Slider

Incontri nelle Scuole

Non è mai troppo presto per parlare di donazione e trapianto

Un posto di rilievo spetta alla presenza nelle scuole, perché, inducendo i ragazzi a riflettere serenamente sul problema dei trapianti e sul profondo significato umano e civile del consenso al prelievo di organi, si consente loro di operare una scelta personale, consapevole ed informata sulla donazione degli organi.  AIDO Pescara svolge da sempre, nel territorio cittadino, attività di sensibilizzazione all’interno delle scuole.

PARLIAMONE NEL MODO GIUSTO!

Per gli studenti: Incontri con volontari, medici di settore e trapiantati

Per quanto riguarda gli studenti, nel corso degli anni l’impegno si è moltiplicato sia per numero sia per qualità degli interventi. Gli incontri con gli studenti si svolgono prevalentemente con la modalità del classico incontro “frontale” tra studenti/insegnanti e il responsabile del settore scuole AIDO Pescara, un medico esperto di donazione e trapianti nonché due o tre trapiantati. L’approccio è interattivo e aperto al dibattito. All’incontro possono partecipare fino ad un centinaio di studenti. La durata è di circa 90 minuti.

PER ORGANIZZARE UN INCONTRO NELLA TUA SCUOLA: CONTATTACI!

Gli insegnanti delle scuole poste sul territorio di Pescaera che volessero svolgere un incontro per i propri studenti, per i genitori o anche per i colleghi, possono contattare telefonicamente o via e-mail la nostra segreteria, segnalando il nome e l’ubicazione della scuola, il numero delle persone coinvolte, il tipo di persone coinvolte (insegnanti, genitori, studenti e relativa età) ed il periodo di effettuazione dell’incontro.

Verranno, quindi, contattati da un referente che verificherà la disponibilità e concorderà date e orari. Si ricorda che per interventi sugli studenti, è necessaria la delibera degli organi competenti e del Dirigente scolastico. Inoltre, durante gli incontri con gli studenti, poiché la responsabilità è comunque della Scuola, è necessaria la presenza dei docenti delle classi coinvolte. Di conseguenza i volontari potranno non eseguire interventi ove non fossero presenti gli insegnanti.