Slider

Cosa può essere donato – Il Trapianto di Organi

Cosa può essere donato

Cosa Può essere donato? Dopo la morte tutti gli organi e tessuti possono essere donati per trapianto di organi , ad eccezione dell’encefalo e delle gonadi, ovvero gli organi riproduttivi, maschili e femminili, le ovaie per le donne e i testicoli per uomini, dove maturano le cellule sessuali o gameti.

Inoltre ci sono organi e tessuti che possono essere donati quando il donatore è ancora in vita: il rene, parte del fegato, del pancreas, del polmone e dell’intestino, le cellule staminali emopoietiche (da midollo osseo, sangue periferico e sangue cordonale), la cute, la placenta e i segmenti ossei.

Il trapianto di organi

Per trapianto si intende il trasferimento in un soggetto “ricevente” di un organo o tessuto prelevato da un soggetto “donatore”.Gli organi che attualmente si trapiantano sono: il rene, il cuore, il fegato, i polmoni, il pancreas, l’intestino.

  • Trapianto di cuore

È un trapianto salva vita. Le malattie del cuore, che rendono indispensabile il trapianto, sono quelle che portano ad una dilatazione e a uno sfiancamento del muscolo cardiaco, con diminuzione della capacità di pompa, dapprima durante uno sforzo fisico e, in seguito anche a riposo (miocardiopatie di varia origine e malattie delle valvole cardiache).

  • Trapianto di fegato

Anche questo è un trapianto salva vita. Infatti molte malattie epatiche (epatiti croniche aggressive, cirrosi biliari primarie, cirrosi alcoliche, tumori primitivi, atresia delle vie biliari) che evolvono verso una grave insufficienza epatica e che non si possono curare con le terapie mediche tradizionali, hanno come unica alternativa il trapianto, per rimpiazzare il fegato seriamente danneggiato.

  • Trapianto di pancreas

    Di questa terapia possono giovarsi pazienti affetti da diabete giovanile insulino-dipendente e che presentano spesso anche insufficienza renale cronica. Questo tipo di trapianto è spesso associato al trapianto di rene

  • Trapianto di rene

    Ogni anno circa 5.000 persone vengono colpite da insufficienza renale cronica.
    Questa malattia è contrassegnata da una serie di alterazioni metaboliche che possono mettere immediatamente in pericolo la vita oppure produrre danni ad organi o disturbi al paziente, che sono comunque, a lungo termine, potenzialmente fatali.
    La dialisi risolve con buona approssimazione il primo gruppo di problemi mantenendo la vita a prezzo di grossi disagi.
    Il trapianto di rene è in grado di guarire o tenere sotto controllo anche il secondo gruppo di problemi.
    In altre parole, la dialisi permette la sopravvivenza, il trapianto, invece può guarire del tutto il paziente

  • Trapianto di polmone

È possibile il trapianto di polmone singolo, dei due polmoni o del blocco cuore – polmoni contemporaneamente. Di questa terapia possono giovarsi i pazienti con insufficienza polmonare irreversibile o con malattie combinate del polmone e del cuore.

  • Trapianto di intestino

È indicato in tutti i pazienti che abbiano subito la quasi totale asportazione dell’intestino tenue e che sopravvivono solo grazie alla nutrizione artificiale totale.